La scelta dello spazzolino da denti potrebbe sembrare una scelta semplice e scontata, ma in realtà a causa della vastissima quantità di marche o modelli e della circolazione di falsi miti, ci si ritrova spesso ad acquistare quello che attira di più la nostra attenzione per colori della confezione o forma strana della testina.

Al di là di quello che il mercato, per ovvi motivi di marketing, offre e promuove, è importante sfatare i falsi miti che circolano sullo spazzolino elettrico.

Moltissimi pazienti mi riferiscono di aver avuto indicazioni dal loro precedente dentista di evitare lo spazzolino elettrico perché responsabile di retrazione gengivale e usura dello smalto. 

Molte mamme mi chiedono se sia sicuro far utilizzare lo spazzolino elettrico ai loro figli e sono spesso molto scettiche. 

Anche digitando sul web alla ricerca di informazioni su questo tema è possibile incappare in siti dove si denigra e sconsiglia lo spazzolino elettrico. Siti amatoriali curati da personale non qualificato. 

Foto di Tatiana Rizzati

Cosa dice la letteratura scientifica? 

Nel 2014 è stata pubblicata una revisione sistematica della letteratura scientifica che ha indagato sulle differenze cliniche che si possono ottenere mettendo a confronto lo spazzolino manuale con quello elettrico.

In pratica sono stati analizzati tutti gli studi scientifici realizzati su questo tema e sono state tratte delle conclusioni. 

I dati che sono emersi sono molto interessanti e ogni igienista dentale e dentista che voglia offrire una consulenza aggiornata ed efficace ai propri pazienti dovrebbe leggerli. 

Sono stati presi in considerazione due parametri: la capacità di diminuire l’indice di placca (capacità pulente) nel breve e nel lungo periodo e la capacità di far regredire condizioni di infiammazione gengivale nel breve e nel lungo periodo in adulti e bambini. 

In entrambe le condizioni valutate, lo spazzolino elettrico (in particolare quello roto-oscillante con testina tonda) è risultato essere significativamente più efficace in assenza di effetti collaterali. 

Il ruolo dell’ Igienista Dentale nella scelta dello spazzolino da denti.

Normalmente la scelta dello spazzolino da denti andrebbe fatta insieme al proprio igienista dentale  in occasione dei richiami periodici a cui è bene sottoporsi per mantenere costante il proprio stato di salute orale. 

Non esiste, al di là di ciò che afferma la letteratura, una risposta universale alla domanda “è meglio lo spazzolino elettrico o quello manuale?” , poiché ogni paziente ha diverse esigenze, caratteristiche e manualità.

Ad esempio, se una persona utilizza da sempre lo spazzolino manuale con buoni risultati e non ha problemi di sanguinamento o gengivite, non sarà necessario proporre uno spazzolino elettrico e modificare delle abitudini già efficaci e collaudate.

Al contrario laddove con lo spazzolino manuale risulti evidente un costante accumulo di placca e la presenza di carie o gengiviti sarà fondamentale e significativo suggerire il cambiamento.


Tatiana Rizzati

Tatiana Giulia Rizzati è un’igienista dentale di Bologna. 
Laureata nel 2004 inizia a lavorare come tutor universitario e cultore della materia in microbiologia. Oggi pratica la libera professione, ma contemporaneamente promuove la prevenzione e la cura  della bocca attraverso il suo sito www.mysmileroutine.com e il suo seguitissimo profilo Instagram, dove dialoga con migliaia di donne spiegando perché non basta un rossetto per un bel sorriso.