Escono sulle guance, sulla fronte, sul naso o tra le sopracciglia e sono una seccatura.
Ma i brufoli non vengono mai per caso, come ci spiega l’antica medicina ayurvedica.

Diciamoci la verità, è una delle cose più seccanti quando guardandosi allo specchio si scopre un antiestetico brufolo sul viso. E subito iniziano le congetture per capire la causa: sarà lo stress da lavoro, l’amata cioccolata a cui è impossibile resistere o una skincare sbagliata.

In realtà i motivi possono essere diversi.
Il bello è che la risposta a ogni interrogativo è direttamente sul viso.

Può sembrare un’affermazione un po’ strana, ma in realtà è proprio così. Ce lo insegna il sistema medicinale indiano e infatti secondo l’ayurveda a ogni zona del volto corrisponde un organo preciso che se è in difficoltà o è irritato riflette questa sofferenza sulla pelle.

A questo punto non resta che scoprire cosa sta dicendo la nostra acne.
E per farlo non resta che seguire la face-map della millenaria medicina indiana.

Brufoli sulla fronte

È l’area è connessa all’apparato digerente, quindi se volete ostacolare la fuoriuscita dei brufoli  fate attenzione alla vostra dieta. Il consiglio è quello di bere molta acqua cercando di ridurre il consumo di grassi, zuccheri, alcol e cibi raffinati.

Brufoli tra le sopracciglia

L’acne in questa zona ci segnala che il fegato è oberato di lavoro e ha un disperato bisogno di pulizia, di conseguenza i brufoli hanno a che fare con quello che si mangia. Una buona idea è sicuramente cercare di limitate l’assunzione di alcol, cibi grassi e latticini.

Brufoli sul naso

In questo caso il legame è con il cuore, infatti l’acne in questo punto può indicare pressione o colesterolo troppo alti o una carenza di Vitamina B. Il suggerimento principale è certamente di aumentare le dosi di pesce e frutta secca cercando di evitate cibi speziati e carne.

Brufoli sulla guancia sinistra

Quando la zona interessata è la parte sinistra significa che l’eruzione cutanea è collegata con il fegato e che probabilmente deve essere depurato. La tradizione orientale per risolvere questo problema consiglia di consumare cibi freddi o crudi come melone, cetriolo o anguria.

Brufoli sulla guancia destra

In questo caso sono chiamati in causa i polmoni, quindi l’acne potrebbe dipendere da fumo, asma, allergie o irritazioni. La raccomandazione più ovvia è quindi fare attività fisica, ma può essere d’aiuto anche praticare esercizi di respirazione e ridurre il consumo di grassi.

A prescindere da dove spuntano i brufoli, la cura quotidiana del viso resta indispensabile.

Il Detergente Viso Purificante al Neem è un ottimo alleato, perché può essere usato ogni giorno.

Il neem e la curcuma assicurano infatti una pulizia profonda della pelle, ma senza alterarne il naturale equilibrio: del resto i principi attivi di queste piante servono a contrastare l’insorgere di acne e impurità, ma allo stesso tempo nutrono la cute rendendola elastica e morbida.

Insomma, stiamo parlando di un prodotto che può essere usato da tutti, perché l’importanza di una beauty routine corretta è qualcosa di fondamentale per ogni tipo di acne.

Facebook Comments